MENU
Discorso sopra i fioretti di san Francesco, ne’ quali della sua vita et delle sue stigmate si ragiona

Fin dal prologo del discorso indirizzato alla sorella, la badessa Coletta, il Vergerio spiega che, come la “pratica” con le persone “da bene e spirituali” giova allo spirito, così anche la lettura di libri “buoni gravi et catholici” è fondamentale per avere la “dottrina sincera (c. 1v). La controversia sulla cattolicità dei I Fioretti di san Francesco”, e quindi, dell’utilità di quel volumetto per l’edificazione spirituale, è messa in dubbio dal Vergerio non in relazione al santo di Assisi, bensì alle “cosaccie impie” che “se san Francesco le potesse vedere fino esso medesimo, credo che si dolerebbe che fussero state scritte” (c. 2r). La polemica dunque ruota intorno alla manipolazione della biografia di san Francesco, da parte dell’anonimo autore ma anche di tutto l’ordine francescano, per farne un “alter Christus”, allontanando così i credenti dalla vera sorgente della grazia, Gesù Cristo.

Description (long)

La polemica consiste nell’analisi di alcuni capitoli del volumetto di devozione, I Fioretti di san Francesco (1476), basato sulle diverse “legende” agiografiche. Dei LIII capitoli di cui è costituita l’opera, il Vergerio contesta i capp. I, II, VI, X, XII-XVII sulla vita di san Francesco, i capp. XX, XI, XIII, XXV, XXVIII, XXIX, XXXII, XXXIII, XXXVIII, XXXIX, XL-XLIV, XLVI, XLI, sui miracoli di san Francesco.\nIn seguito, il Vergerio (che si dice “già stracco et satio tanto di versare in queste baie”) analizza le cinque considerazioni sulle stigmate di san Francesco, con le quali conclude la polemica. La polemica si conclude con la condanna del testo da parte del Vergerio, il quale, per avvalorare le proprie argomentazioni, cita un fatto di cronaca, avvenuto nel 1507, a Berna, allorquando quattro stimati teologi domenicani, per avere anche loro un “san Francesco”, convinsero uno sciocco converso di aver ricevuto il dono delle stigmate, venendo tuttavia sbugiardati e condannati dal tribunale diocesano.


Citare la voce
Vincenzo Vozza (25-06-2018).
Discorso sopra i fioretti di san Francesco, ne’ quali della sua vita et delle sue stigmate si ragiona. PoLet500 - Polemiche Letterarie del Cinquecento. Firenze, Edizioni CLORI, 2016-in corso.
ISBN: 978-88-942416-8-6; DOI: 10.5281/zenodo.881970.
Documento rilasciato con licenza Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Esporta scheda JSON Vedi le altre schede dell'autore



Riferimenti

Year
Author
Category: Type
Publication
Link
2016
Giorgio Caravale
Bibliografia : Capitolo di libro
Giorgio Caravale ( 2016 ) , Forbidden Prayer: Church Censorship and Devotional Literature in Renaissance Italy. Routledge, London , pp. pp. 55-70
NONE
1476 (ed. princeps)
Giovanni dei Marignoli
Fonte : Letteraria
Giovanni dei Marignoli ( 1476 (ed. princeps) ) , Fioretti. Zuan Lundardo Longo, Vicenza
1550
Pier Paolo Vergerio il giovane
Fonte : Letteraria
Pier Paolo Vergerio il giovane - Coletta Vergerio ( 1550 ) , Discorso sopra i fioretti di san Francesco, ne’ quali della sua vita et delle sue stigmate si ragiona. s.e., s.l. , pp. ff. Cii-r - Fii-v
NONE


SCHEDA