MENU
A quegli venerabili padri Domenicani, che difendono il Rosario per cosa buona

By Vincenzo Vozza on 25/06/2018

1550
A quegli venerabili padri Domenicani, che difendono il Rosario per cosa buona

Polemica intorno al libro di devozione popolare, Rosario della Beata Vergine Maria, pubblicato nel 1522 dal domenicano Alberto da Castello (Venezia), e diffuso dai membri dell'ordine come pia lettura al termine della preghiera vespertina.

La dura polemica contro la pratica devozionale mariana del rosario, porta con sé l’accusa, esplicitata nel prologo, di «difendere la buggia palese» e di voler «sepelire la verità, Cristo et l’Evangelio». Sembra di intuire che i destinatari dell’opera siano gli appartenenti all’ordine (o come sostiene il Vergerio, al "disordine") domenicano che rivestono gli incarichi tra i più importanti della curia romana, o siedono sulle cattedre episcopali più influenti della Penisola. Il rosario tuttavia non è il centro della controversia che oppone il Vergerio ai padri domenicani: il prelato è infatti consapevole della coesistenza, nella pedagogia cristiana, dell''approccio "devoto" all’insegnamento evangelico, non lontano dall’esperienza degli apostoli negli scritti neotestamentari. Il Vergerio, pertanto, non vuole demolire la pietas cristiana, fondata su di una secolare tradizione di pratiche cultuali, ma relativizzarla al messaggio salvifico della salvezza per "sola gratia". Il Vergerio riconosce quindi che la distrazione dei credenti «semplici et idioti» dalla portata universale del beneficio di Cristo, è un servizio che i frati domenicani rendono al regno del loro Anticristo «che soleva esser tanto potente», ma che all’indomani della protesta di tanti testimoni della fede – e il riferimento ai primi martiri della Riforma italiana è il coup de theatre tipicamente vergeriano – sembra aver cominciato a cedere terreno. La polemica si sposta sui capitoli del libello del 1522, Rosario della Vergine Maria, composto da frate Alberto da Castello, veneziano: trattasi di un florilegio di episodi della vita di san Domenico, del beato Alano della Rupe (il bretone Alain de la Roche) e di alcuni testimoni dell''efficacia spirituale del rosario come espressione della devozione mariana. Ciascuno di questi episodi viene desacralizzato dal Vergerio, minuziosamente sezionato e "smascherato", riconducendo il principio soteriologico sotteso a ciascun episodio a Cristo, secondo i principi evangelici (i cinque "sola")


Citare la voce
Vincenzo Vozza (25-06-2018).
A quegli venerabili padri Domenicani, che difendono il Rosario per cosa buona. PoLet500 - Polemiche Letterarie del Cinquecento. Firenze, Edizioni CLORI, 2016-in corso.
ISBN: 978-88-942416-8-6; DOI: 10.5281/zenodo.881970.
Documento rilasciato con licenza Creative Commons Attribution 4.0 International License.

Esporta scheda JSON Vedi le altre schede dell'autore



Riferimenti

Year
Author
Category: Type
Publication
Link
2000
Silvano Cavazza
Bibliografia : Capitolo di libro
Silvano Cavazza ( 2000 ) , Quei che vogliono Cristo senza croce”: Vergerio e i prelati riformatori italiani (1549-1555). Forum, Udine , pp. 107-142
NONE
1522
Alberto da Cestello
Fonte : Letteraria
Alberto da Cestello ( 1522 ) , Rosario della gloriosa Vergine Maria. Melchiorre Sessa & Pietro Ravani, Venezia
1550
Pier Paolo Vergerio il giovane
Fonte : Letteraria
Pier Paolo Vergerio il giovane - Ordine dei frati predicatori ( 1550 ) , A quegli venerabili padri Domenicani, che difendono il Rosario per cosa buona.. s.t., s.d.


SCHEDA