Fonti per alfabeto: Omero



HOMERUS

N.B. Le citazioni dai poemi omerici sono tratte dalle traduzioni italiane di Vincenzo Monti e di Ippolito Pindemonte.
La numerazione dei versi si riferisce ad esse.


Ilias
  • Hom. Il. 1.218-229:
    [=G.L. 8.65]

  • Hom. Il. 1.307-309:
    Ma se questa non fosse, a cui comandi,
    spregiata gente e vil, tu non saresti
    del popol tuo divorator tiranno
    [=G.L. 8.70]

  • Hom. Il. 1.329-333:
    [...] Ardea l'Atride
    di novello furor, quando nel mezzo
    surse de' Pilii l'orator, Nestorre
    facondo sì, che di sua bocca uscièno
    più che mel dolci d'eloquenza i rivi.
    [=G.L. 2.61.5-6]

  • Hom. Il. 1.700-703:
    [=G.L. 13.74]

  • Hom. Il. 2.36-39:
    [...] Attento
    dunque m'ascolta. A te vengh'io celeste
    nunzio di Giove, che lontano ancora
    su te veglia pietoso.
    [=G.L. 12.37.3-4]

  • Hom. Il. 2.305-306:
    Oh vili, / oh infami, oh Achive, non Achei!
    [=G.L. 11.61.8]

  • Hom. Il. 2.637-640:
    [=G.L. 9.92.3-5]

  • Hom. Il. 2.1016-1018:
    Dimmi or, Musa, chi fosse il più valente
    di tanti duci e de' cavalli insieme
    che gli Atridi seguîr. [...]
    [=G.L. 20.32]

  • Hom. Il. 3
    [Nel terzo dell'Iliade Elena indica al re Priamo i principali eroi greci]
    [=G.L. 3.12]

  • Hom. Il. 3.1-10:
    [=G.L. 11.13.4]

  • Hom. Il. 3.2-7:
    [=G.L. 20.2.3-4]

  • Hom. Il. 5.1-11
    [=G.L. 20.7.1-4]

  • Hom. Il. 7.111-112:
    Vili superbi, / Achive, non Achei!
    [=G.L. 11.61.8]

  • Hom. Il. 7.147-222:
    [=G.L. 7.61]

  • Hom. Il. 7.160-198:
    [=G.L. 7.63.5]

  • Hom. Il. 7.249-256:
    [=G.L. 5.44]

  • Hom. Il. 7.345-351:
    [...] il saggio Idèo
    così primiero favellò: Cessate,
    diletti figli, la battaglia. Entrambi
    siete cari al gran Giove, entrambi (e chiaro
    ognun sel vede) acerrimi guerrieri:
    ma la notte discende, e giova, o figli,
    alla notte obbedir. [...]
    [=G.L. 6.51.5-8]

  • Hom. Il. 8.401-407:
    [=G.L. 11.41.5]

  • Hom. Il. 10.281-324
    [=G.L. 12.5]

  • Hom. Il. 10.409-418:
    [=G.L. 18.58.5-6]

  • Hom. Il. 11.70-74:
    [...] Intanto
    Giove dall'alto romoreggia, e piove
    di sangue una rugiada, annunziatrice
    delle molte che all'Orco in quel conflitto
    anime generose avrìa sospinto.
    [=G.L. 9.15.3-4]

  • Hom. Il. 11.325:
    Sì cadde, e chiuse in ferreo sonno i lumi.
    [=G.L. 3.45.7-8]

  • Hom. Il. 14.259-265:
    [=G.L. 16.25.1-4]

  • Hom. Il. 14.553-558:
    [...] Lo colse il fatal ferro
    alla vertebra estrema, ove nel collo
    s'innesta il capo, e ne precise il doppio
    tendine. Ei cadde, e del meschin la testa,
    colla bocca davanti e le narici,
    prima a terra n'andò, che la persona.
    [=G.L. 9.70]

  • Hom. Il. 15.313-324:
    [=G.L. 9.75]

  • Hom. Il. 16.45-48:
    [=G.L. 16.57.1-4]

  • Hom. Il. 18.668-854:
    [=G.L. 17.57]

  • Hom. Il. 20.207-214:
    [=G.L. 15.50]

  • Hom. Il. 20.457-467:
    [=G.L. 20.39.1-4]

  • Hom. Il. 21.620-624:
    [...] Gli è ver che fra le donne
    ti fe' Giove un l´one, e qual ti piaccia
    ti concesse ferir. Ma per le selve
    meglio ti fia dar morte a capri e cervi,
    che pugnar co' più forti. [...]
    [=G.L. 12.4.1-4]

  • Hom. Il. 22.201-208:
    [=G.L. 19.45.3-8]

  • Hom. Il. 22.253-256:
    [=G.L. 20.105.1]

    TOTALE 32
Odyssea
  • Hom. Od. 1.5:
    molti dentro del cor sofferse affanni
    [=G.L. 1.1.4]

  • Hom. Od. 7.152-180:
    [=G.L. 16.10]

    TOTALE 2
TOTALE 34     

Torna all'elenco alfabetico